All Articles
All Articles Consigli Uncategorized Innovazione Atleti e Team Sport Novita' Video

Recupero con l’alimentazione quotidiana vs recupero dagli infortuni

Quando si tratta di recupero, sia dopo una dura giornata di allenamento, sia dopo un infortunio, un’alimentazione corretta è fondamentale. Nonostante le relative differenze, ossia alimentarsi per recuperare da un infortunio o a seguito di un allenamento, tessuti molli e ossa presentano alcune somiglianze fondamentali.

Lo scopo principale dell’allenamento è diventare più forti, e lo stesso avviene a seguito di un infortunio. Spesso considero il periodo di riposo dovuto ad infortuni come un’opportunità per intervenire sui punti deboli e, pertanto, un’opportunità per tornare ancora più in forza. Inoltre, con il recupero miriamo sempre a prevenire ulteriori danni al corpo, che è già sottoposto a stress. Potrebbe trattarsi di stress derivante dall’allenamento generale o dalla riparazione delle lesioni.

Quindi quale contributo può dare l’alimentazione in tal senso?

In primo luogo, entrambe le aree di recupero richiedono quantità adeguate di energia. Indipendentemente dal fatto che l’obiettivo sia quello di potenziare forza e muscolatura o guarire i tessuti molli e le ossa, è necessaria energia. Esiste un mito comune secondo cui gli atleti infortunati o coloro che cercano di tenersi in forma per una gara dovrebbero limitare l’assunzione di alimenti, mentre questa è l’ultima cosa che gli atleti dovrebbero fare. Senza l’energia richiesta, il corpo non è in grado di ricostruirsi e senza questi adattamenti essenziali le prestazioni possono essere ostacolate, per non parlare del prolungamento di eventuali lesioni esistenti. In quest’ottica, infatti, il recupero inizia con l’assunzione di carboidrati durante le sessioni; ad esempio durante una sessione impegnativa di 1 ora in bici, assumi 1 SiS GO Energy Gel, o durante allenamenti di resistenza più lunghi di oltre 2 ore, cerca di assumere 30-60 g di carboidrati all’ora. Questo non solo aiuta gli atleti a fare di più, creando il potenziale per prestazioni decisamente migliorate, ma avvia anche rapidamente il processo di recupero poiché il corpo non deve stressare altre aree per produrre il carburante necessario per la sessione.

In secondo luogo, il recupero post-sessione è un must! Uno spuntino o un frullato post allenamento contenente proteine e carboidrati, ad esempio un frullato REGO Rapid Recovery, aiuta a dare il via al processo di recupero, reintegrando anche l’energia persa durante l’allenamento, vitale per il processo di guarigione del corpo. Questo può anche contribuire a contrastare gli effetti che un duro allenamento può avere sul sistema immunitario. Credo che tutti siamo d’accordo su questa necessità.

La differenza nell’assunzione di alimenti per il recupero dall’allenamento e dagli infortuni sta nel tipo di integrazione. A seguito di un infortunio, l’assunzione di integratori per promuovere il recupero in cui si sono verificati danni evidenti può aiutare a garantire che il tempo di guarigione sia il più breve possibile, assicurando anche che il corpo assuma i nutrienti chiave necessari per effettuare il processo di riparazione; ad esempio, l’assunzione di collagene, vitamina D e calcio può contribuire al recupero di lesioni specifiche. Questi integratori si possono assumere anche per aiutare a prevenire lesioni durante carichi di allenamento elevati. Per un atleta, il fabbisogno di vitamine e minerali è maggiore rispetto alla popolazione media.

Quindi, per concludere, assicurati di prestare la stessa attenzione ad alimentare il tuo recupero come faresti in caso di allenamento; il tuo corpo, la tua mente e le tue prestazioni ti ringrazieranno.

Written By

Science in Sport